buzzoole code Il Mondo di Mr Tozzo: marzo 2017

venerdì 10 marzo 2017

Head Hunter basta lamentarsi !!

Colloquio lavoro
Fonte Foto: https://goo.gl/sq23HZ

Durante un colloquio di lavoro non è solamente il candidato ad essere sotto esame, ma anche l'esaminatore e la Società stessa. Le domande non devono essere sempre unidirezionali (Head Hunter ==> Candidato) ma bidirezionali (Head Hunter <==> Candidato).


L'azienda prima di assumere un nuovo dipendente vuole capire se questo è idoneo per lavorare nella propria realtà aziendale, quindi oltre la parte tecnica l'azienda cerca di capire anche il lato umano di quello che sarà un possibile nuovo dipendente.

Come dicevo inizialmente questo tipo di analisi non deve essere unidirezionale, ma anche il candidato deve capire se l'azienda sia quella giusta per lui e lo può fare solamente in una maniera: facendo domande.

Ad esempio, come dicevo nel precedente post, è lecito chiedere quale sarà l'eventuale RAL per avere una basa dalla quale partire per contrattare e soprattutto per non avere brutte sorprese in fase di firma del contratto.

Può fare le domande per capire che tipo di realtà aziendale sia la futura azienda, quale sia il ruolo (si spera reale) andrà a ricoprire, dove sarà la sede di lavoro e tutte quelle domande che possono chiarire le idee al candidato.


IL CANDIDATO PUÒ RIFIUTARE IL LAVORO

Nella mente della maggior parte degli Head Hunter un candidato NON può rifiutare l'offerta di lavoro, sarebbe un pazzo in questo periodo di crisi e poi loro gli stanno offrendo un lavoro che non si può rifiutare (ma ne siamo proprio sicuri?).

Caro Head Hunter il candidato può, anzi deve, rifiutare una proposta di lavoro se questa non è in linea con il candidato stesso. Il candidato prima di tutto è una persona e un professionista e come tale deve essere trattato e valutato, non è una figurina da collezionare per fare numero.



IL CANDIDATO HA RIFIUTATO E IO VADO SU LINKEDIN


È da qualche tempo che vedo una cattiva abitudine da parte degli HH/HR, ovvero lamentarsi su LinkedIn dei candidati (specialmente se questi rifiutano il lavoro). Questa pratica la trovo abbastanza ridicola (come quelli che su Facebook lanciano frecciatine velate ai propri contatti), infatti oltre ad essere poco professionale e infantile fate la figura di quelli che sono stati appena lasciati ed iniziano a parlare male dei loro EX.

Ripeto, non sono solo i candidati ad essere valutati in fase di colloquio ma anche voi. Quasi quasi rimpiango quando pubblicavate gattini o frasi motivazionali.

mercoledì 1 marzo 2017

Mark Zuckerberg può fare quello che vuole, te no!




Tu che investi soldi ed energie per fare marketing con ‪#‎Facebook , fermati un secondo e prova a pensare ad una cosa: "La tua pagina di Facebook non è casa tua, al massimo sei in affitto!"
Infatti il padrone di casa e' solo uno e si chiama Mark Zuckerberg quindi, come tale, può fare quello che vuole con la sua piattaforma. Quando sei in affitto non puoi fare modifiche "importanti" alla struttura della casa, al massimo puoi arredarla. 
Ed è quello che facciamo (foto profilo, foto descrizione, bio etc..) ma le regole, quelle sono dettate dal padrone di casa e lui può fare il bello e il cattivo tempo, come vuole lui. 
E' Mark che decide le regole e uno scenario possibile potrebbe essere il seguente:
"Fica questa funzione la uso per la mia strategia, poi domani Mark si sveglia e dice: "Sai che c'è? Questa cosa non mi piace più la levo" oppure " Questa funz ione e' troppo usata dai Social Cosi, la metto a pagamento"."
E tu, come si dice a Roma, devi fa pippa!

Mark può tutto, te no! Mark voleva ‪#‎Snapchat , il proprietario di Snapchat ha detto "No grazie, non siamo in vendita" . E Mark ha risposto : "È così ? Allora mo prendo quel cazzo di Instagram e lo rendo come Snapchat, e voi muti!! "

Questo non vuole dire che non devi usare Facebook per la tua strategia di marketing (sarebbe da pazzi) , ma Facebook non deve essere il tuo centro di gravità ! 

Deve essere uno strumento in più per mandare avanti la tua strategia, non deve essere lo strumento principale (che invece potrebbe essere il blog).